Punta Corvo, si prolunga per circa 1,5 Km.Superata la vecchia e diroccata caserma della Finanza, potrete trovare tra gli anfratti rocciosi, degli accessi alquanto disagevoli, che portano al mare.Tutta la zona sopra la scogliera è ricoperta da una rigogliosa macchia mediterranea dove predominano, frammiste ad agavi, numerosissime palme nane, alcune di dimensioni eccezionali che costituiscono una ambiente vegetazionale di grande valenza naturalistica.Questo tratto di costa, pressoché incontaminato, merita ogni attenzione perché venga preservato dall’invadenza delle attività umane! Poco prima che la scogliera degradi nuovamente verso una spiaggia ciottolosa è possibile ammirare una piccola insenatura di grande suggestione: “La grotta dei colombi”Subito dopo la scogliera lascia il posto ad un litorale ciottoloso di circa 500 mt, dove il cammino si fa alquanto disagevole. Si arriva finalmente all’ultimo tratto di scogliera, quella di Costa di Carro, ultimo lembo incontaminato di questo bellissimo litorale.Rocce calcaree, anfratti e cavità sotterranee, dove si insinua il mare ed una tipica macchia mediterranea.

Tags:

Leave a Reply